Dopo sei anni dalla Legge 09/11/2015, che ha disciplinato in Italia l’uso terapeutico della Cannabis e a un anno dalla Legge regionale n° 18 del 17/01/2020 sulla dispensazione in Sicilia dei preparati a base di Cannabis Medicinale da parte del Sistema Sanitario Regionale in forma gratuita per i pazienti affetti da alcune patologie,  prende il via il corso “Utilizzi clinici dei preparati a base di Cannabis terapeutica” formulato dal CEFPAS, finalizzato a colmare il gap di formazione di molti medici siciliani e tentare di scardinare preconcetti e pregiudizi sull’uso dei derivati della Cannabis a scopo medico. Le date previste del corso sono 14, 15, 21 dicembre 2021 e 21 gennaio 2022.

L’utilizzo dei preparati a base di cannabis è autorizzato per il trattamento del dolore cronico (oncologico, neuropatico o associato a spasmi muscolari in patologie neurologiche), per il controllo di nausea e vomito da chemioterapici, per la cachessia e l’anoressia causate da tumori o HIV, per il controllo dei movimenti muscolari involontari in alcune patologie neurologiche e per la riduzione della pressione endoculare nel glaucoma. La Legge Italiana, come la Legge regionale, impongono l’uso di tali preparati come seconda – terza linea di terapia, solo successivamente al fallimento di terapie standard che hanno un maggior volume di evidenze e che rientrano nei cosiddetti “standard terapeutici”.

Con la Legge del 9/11/2015 il Ministero della Salute ha disciplinato le modalità per la produzione nazionale di cannabis e ha autorizzato le preparazioni galeniche imponendone, al contempo, la titolazione, al fine di quantificare esattamente il contenuto dei componenti attivi.

Al momento, non esistono studi su eventuali effetti collaterali o tossicità acuta verificatisi in seguito ad uso di preparazioni vegetali ed estratti di cannabis in olio e/o altri solventi.

Per assicurare la qualità del prodotto, la titolazione del/i principio/i attivo/i deve essere effettuata con metodologie sensibili e specifiche per ciascuna preparazione magistrale.

Molti medici e molti farmacisti preparatori sostengono che sarebbe utile una standardizzazione delle metodiche di confezionamento dei prodotti galenici, per garantire una migliore maneggevolezza di tali preparati ai medici prescrittori.

Sebbene le molecole ritenute di maggior interesse siano il Tetraidrocannabinolo (THC) e il Cannabidiolo (CBD), un estratto di Cannabis può contenere oltre 500 molecole attive, di cui almeno 100 cannabinoidi. La sua caratterizzazione può, quindi, richiedere l’utilizzo di diverse tecniche analitiche, specialmente se si intende valutare non solo l’efficacia farmacologica e psicotropa ma anche l’eventuale presenza di contaminanti, come i metalli pesanti. La pianta, infatti, è nota per essere una fito-depuratrice e, se coltivata in un terreno inquinato, i suoi prodotti possono contenere sostanze tossiche per l’uomo, per il quale motivo è determinate sottolineare l’importanza di analisi anche di particelle inquinanti e potenzialmente dannose per la salute.

Il corso “Utilizzi clinici dei preparati a base di Cannabis terapeutica”, ha come obiettivo principale quello di sviluppare le conoscenze dei medici di medicina generale attraverso una formazione appropriata sulle proprietà, sugli effetti collaterali della cannabis ed il suo corretto utilizzo.

Saranno affrontati anche temi quali: acquisire conoscenze sulla pianta della cannabis, acquisire conoscenze sulla correlazione tra effetto dei preparati terapeutici a base di cannabis e i fattori genetici ereditari e si tratterà inoltre la questione delle principali problematiche legali come quelle di appropriatezza prescrittiva, correlate all’uso della cannabis medicinale e in particolare il ruolo del Medico di Medicina Generale, vera prima frontiera della Medicina con il territorio e primo anello della catena della salute.

Il Corso, infatti, si vuole rivolgere ai Medici di Medicina generale (max 40 partecipanti), la partecipazione è a titolo gratuito e prevede l’accreditamento ECM.

Si svolge in modalità online, in 4 giornate per un totale di 26 ore e prevede l’accreditamento ECM.

Responsabili scientifici:

Roberto Sanfilippo Direttore del CEFPAS

Pier Sergio Caltabiano Direttore della formazione del CEFPAS, esperto in metodologia della formazione;

Monica Sapio Componente Tavolo Regionale dedicato già Dir. U.O. Terapia del dolore – A.O Buccheri La Ferla (PA).

Per effettuare le iscrizioni collegarsi al sito www.formazione.cefpas.it. Per ricevere ulteriori informazioni:

Responsabile delle attività Formative

Carmelo Amico: carmelo.amico@cefpas.it

Assistente segreteria delle attività Formative

Valentina Di Pasquale: dipasquale@cefpas.it